Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Maserati a Milano AutoClassica 2017

È iniziato oggi, a Rho, il fine settimana di Milano AutoClassica; al Padiglione 18, all’interno di uno stand di 260 m2, la Casa del Tridente è presente con una selezione di veicoli storici, una nuova Ghibli GranLusso MY18, una zona Lounge e il Maserati Store, per la vendita del Merchandising Ufficiale Maserati.

La nuova Ghibli GranLusso MY18 in esposizione reinterpreta il concetto di lusso in una berlina sportiva, accentuando alcuni dettagli esterni e migliorando il comfort di bordo per  guidatore e passeggeri. La ricercatezza delle dotazioni si esprime attraverso l’utilizzo di materiali esclusivi e di contenuti speciali nella migliore tradizione dell’artigianalità italiana. Esternamente la vettura si caratterizza per i proiettori Full LED adattivi, gli inserti cromati sul paraurti anteriore, la scritta “GranLusso” alla base del parafango anteriore, le minigonne in tinta vettura, le pinze freno di colore nero e i cerchi in lega Poseidone da 19”.

Sono tre le vetture che Maserati Classiche ha deciso di esporre nel proprio stand:

A6GCS-53. La A6GCS-53, che presentata al salone di Torino del 1954 sullo stand del carrozziere, fece da spartiacque tra il mondo delle vetture da corsa e quello delle vetture stradali. Ne furono realizzati solamente 4 esemplari.

3500 GT. La 3500 GT del 1957 è la prima vettura costruita in “serie” da Maserati e fu presentata al Salone di Ginevra nella versione proposta dalla carrozzeria Touring, che realizzò un coupé classico di grande eleganza e raffinatezza. Aggiornata nel corso degli anni con freni a disco, cambio a 5 marce e impianto di iniezione indiretta, restò in produzione fino al 1964 e nei suoi sette anni di vita ne furono costruiti circa 1400 esemplari. Nel 1959 alla versione Coupé si affiancava la versione scoperta disegnata da Vignale.

Bora. La Bora fece il suo debutto al Salone di Ginevra del 1971, un Coupé a motore posteriore centrale destinato a prendere l’eredità della Ghibli come vettura di punta della Casa del Tridente in tema di prestazioni. Progettata dall’Ing. Giulio Alfieri e disegnata da Giorgetto Giugiaro, venne inizialmente dotata di un propulsore 8 cilindri a V di 90° da 4.7 litri, a cui si affiancò due anni più tardi anche il motore da 4.9 litri con una potenza di 330 CV. Nonostante il suo temperamento da corsa, caratterizzato da un’ottima accelerazione e da una elevata velocità, la Bora rispettava il comfort di guida derivato dalla straordinaria elasticità del motore e dalla silenziosità dell’abitacolo.

Resta in contatto
 
Si prega di compilare tutti i campi obbligatori.
I TUOI DATI PERSONALI
*
*
*
*
Consenso al trattamento dei dati personali
*
*
Find your local website