Quattroporte I - Prima serie

La berlina più veloce degli anni sessanta. All'inizio degli anni '60, Giulio Alfieri iniziò a lavorare ad un progetto completamente nuovo. Traendo ispirazione dal successo delle sue vetture GranTurismo, Maserati cominciò a pensare ad una berlina. La Nuova Quattroporte doveva naturalmente offrire lo stesso livello di eleganza, raffinatezza, potenza e prestazioni degli altri prodotti del Tridente. Con una velocità massima di 230 Km/h, era la berlina più veloce dell'epoca. Il design era opera dello stilista Pietro Frua, che si ispirò alla 5000GT, mentre le carrozzerie vennero costruite da Vignale. L'auto aveva una moderna struttura monoscocca in metallo con delle sezioni in scatolato di lamiera al posto del tradizionale telaio tubolare, e il motore V8 da 4,2 litri derivava dal gruppo utilizzato sulla 5000GT. Sette di queste vetture furono costruite con un motore con capacità potenziata a 4,7 litri. Fra i più famosi clienti della Quattroporte possiamo annoverare Anthony Quinn, Marcello Mastroianni, Alberto Sordi e il Principe Ranieri III di Monaco.

Scheda tecnica Quattroporte 4.2 Quattroporte 4.7
Codice modello Tipo AM107 Tipo AM107
Tipologia di carrozzeria Berlina 4 porte, 4/5 posti Berlina 4 porte, 4/5 posti
Design Frua (Vignale) Frua (Vignale)
Anni di produzione 1964 - 1966 1965
L'epoca Maserati La famiglia Orsi La famiglia Orsi
Numeri prodotti 252 7
Telaio Monoscocca in acciaio con sottotelaio anteriore Monoscocca in acciaio con sottotelaio anteriore
Peso a secco 1,810kg 1,810kg
Configurazione motore 90° V8, doppio albero a camme in testa 90° V8, doppio albero a camme in testa
Cilindrata 4,136cc 4,719cc
Regime di potenza massima 260 CV @ 5.000 giri/min 290 CV @ 5.200 giri/min
Velocità massima 210km/h 230km/h
Resta in contatto
 
Si prega di compilare tutti i campi obbligatori.
I TUOI DATI PERSONALI
*
*
*
*
CONSENSO AL TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Letta e compresa l’Informativa Privacy,

*
*
*
*
*
*
*

*
* Campi obbligatori