Khamsin

A dare il nome alla nuova 2+2 coupé, fu il vento caldo e impetuoso del deserto nord africano che lambisce l'Egitto e la Libia. La Khamsin era una vettura degna di nota: non soltanto fu l'ultima opera di Giulio Alfieri alla guida del reparto progettazione di Maserati, ma anche la prima vettura di serie Maserati ad essere disegnata da Bertone. Si trattava di un'auto dalle linee aerodinamiche e cuneiformi, con proporzioni eleganti. La base meccanica era sempre derivata dalla Ghibli, ma con sospensioni posteriori indipendenti. La carrozzeria autoportante poggiava su un'interasse invariato di 2,55 metri, le sospensioni posteriori tuttavia erano completamente nuove, con trapezi oscillanti e gruppi differenziali montati all'interno di un sottotelaio che consentiva di ridurre al minimo sia la rumorosità che le vibrazioni. Il servosterzo variabile era eredità di Citroën, così come altre applicazioni idrauliche ad alta pressione: frizione, fari anteriori a scomparsa e regolazione del sedile lato guida nonché l'impianto frenante, che non era apprezzato da tutti alla stessa maniera. La tradizionale configurazione GranTurismo della Khamsin, un'auto sportiva di grandi dimensioni con motore in posizione frontale e ruote motrici posteriori, segnò la fine di un'era che sarebbe ritornata in auge soltanto alle fine degli anni '90 con la 3200GT.

Scheda tecnica Khamsin
Codice modello Tipo AM120
Tipologia di carrozzeria Coupé 2 porte, 2+2
Design Gandini (Bertone)
Anni di produzione 1974 - 1982
L'epoca Maserati Citroën
Numeri prodotti 430
Telaio Monoscocca autoportante con sottotelaio posteriore
Peso a secco 1,635kg
Configurazione motore 90° V8, doppio albero a camme in testa
Cilindrata 4,930cc
Regime di potenza massima 320 CV @ 5.500 giri/min
Velocità massima 270km/h
Resta in contatto
 
Si prega di compilare tutti i campi obbligatori.
I TUOI DATI PERSONALI
*
*
*
*
CONSENSO AL TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Letta e compresa l’Informativa Privacy,

*
*
*
*
*
*
*

*
* Campi obbligatori