Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per fornirti servizi in linea con le preferenze rilevate attraverso la tua navigazione nel Sito. Continuando la navigazione, acconsenti all’utilizzo di questi cookies. Per opporti a tale trattamento e per avere maggiori informazioni, leggi la nostra Informativa Privacy
Accetta tutti i cookie

Shamal

Battezzata con il nome del vento della Mesopotamia, la nuova Shamal rappresentava la derivazione più estrema della famiglia dei modelli Biturbo. Come la Karif, era costruita sul pianale accorciato della Biturbo Spyder, ma disponeva anche di due piccoli sedili posteriori. La carrozzeria della Shamal era interamente nuova, ad eccezione delle porte. Il design aggressivo e dalle linee muscolose era opera del designer Marcello Gandini, facilmente riconoscibile dalla tipica forma dei passaruota posteriori. Tuttavia, la novità più saliente della Shamal si celava sotto il cofano. Il motore V6 era stato sostituito da un motore biturbo V8 completamente nuovo, con quattro alberi a camme e 32 valvole. Il tutto abbinato ad un nuovo cambio a 6 rapporti della Getrag. Il design della Shamal fu l'ispirazione per il successivo modello Ghibli. Siamo di fronte a una delle automobili di serie più estreme mai prodotte, destinata esclusivamente a piloti esperti.

Scheda tecnica Shamal
Codice modello Tipo AM339
Tipologia di carrozzeria Coupé 2 porte, 4 posti, tre volumi
Design Marcello Gandini
Anni di produzione 1990 - 1996
L'epoca Maserati De Tomaso
Numeri prodotti 369
Telaio Costruzione con monoscocca in acciaio
Peso a secco1,417kg
Configurazione motore 90° V8, 32 valvole, doppio albero a camme in testa, biturbo
Cilindrata3,217cc
Regime di potenza massima 326 CV @ 6.000 giri/min
Velocità massima 270km/h
Resta in contatto
 
Si prega di compilare tutti i campi obbligatori.
I TUOI DATI PERSONALI
*
*
*
*
Please enter a valid email address
* Campi obbligatori