Piloti e sciatori parlano lo stesso idioma. A qualche metro da voi si confrontano sulla discesa che stanno per compiere e non c’è scarto semantico né di linguaggio del corpo. Sorridono, mimano il movimento di una curva: in fondo, sci o motore sono soltanto un modo di accedere alla velocità, di declinare il brivido che fa sentire vivi.

Poi pilota e sciatore smettono di parlare, e il paesaggio rimane pieno soltanto del rumore dell’aria. Sembra la pace prima di una guerra o di un corteggiamento. Un duello a sole alto.

Ora seguitemi un po’ in disparte, lasciamo Giorgio Rocca far scattare lo scarpone dentro lo sci e il pilota entrare nell’auto per assicurarsi al sedile. Seguitemi in disparte dove una motoslitta vi attende: state per assistere alla danza dal centro del movimento.

Il motore gira, Rocca abbassa il casco: voi stringete le barre laterali della slitta e dimenticatevi della mia voce.

L’innesco di uno sciatore è la gravità, quello della Levante un motore V8 da 580 cavalli, ma il modo sfruttare la forza per liberare bellezza è fatta delle stesse cose: la scelta nella traiettoria, la perfezione delle forze che addomesticano un’inerzia fino a cambiarle verso. Quando si passa lo start è il fondo valle che sembra venire verso di voi a velocità via via crescente, ma mentre Rocca aumenta la quantità di moto e la Levante i suoi giri, voi percepite la brezza tra i capelli diventare vento e il vento bufera - dentro un bianco e un cielo così tersi da farvi chiaramente vedere il mondo che s’inclina.

Uomo e auto scendono la montagna l’uno fianco all’altro e sembra di capire l’essenza di una poesia realvisceralista scritta sulla neve, una poesia che parla di legamenti e sterzo, quadricipiti e valvole, di vita e tecnologia che dialogano, si imitano, si studiano e si seducono a vicenda. Voi siete lì nella poesia, come un esploratore che passerà alla storia per aver assistito a uno spettacolo unico, un uomo sulla neve e un’auto che si può permettere di divertirsi come un uomo, un dialogo fra divinità spurie, fatte di sangue e benzina, di acciaio e carne. Di sbuffi di prese d’aria e respiro. La motoslitta corre dietro a questo spettacolo pirotecnico di cristalli spinti al cielo come geyser a ogni curva, e l’equilibrio che sentite viene dalla sincronia di gesti perfetti.

Dura tutto poco meno di un minuto, ma chi ha detto che la perfezione è per sua natura breve aveva ragione: è cosa intensa e l’uomo non può reggere tanta potenza per molto. Non lo può un Campione del Mondo, non lo potete voi che avete gli occhi pieni di bellezza; lo potrebbe un’auto, ma l’auto senza l’uomo è un cuore che non batte.

Quando scendete dalla motoslitta vi girate e guardate su, da dove siete partiti. Rileggete la poesia appena scritta. E vi pare completa.

Ghibli GT Hybrid consumi: combinato 9,4-8,2 l/100 km*// Emissioni CO₂: combinato 213-186 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: E

Ghibli Modena consumi: combinato 11,6-10,9 l/100 km* // Emissioni CO₂: combinato 249-242 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

Ghibli Modena S Q4 consumi: combinato 11,5-11,1 l/100 km* // Emissioni CO₂: combinato 261-251 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

Ghibli Trofeo consumi: combinato 12,6-12,3 l/100km* // Emissioni CO₂: combinato 285-279 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

Levante GT Hybrid consumi: combinato 9,8-10,7 l/100 km*// Emissioni CO₂: combinato 223-243 g/km*// Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: F

Levante Modena consumi: combinato 13,5-12,6 l/100 km* // Emissioni CO₂: combinato 304 - 284 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

Levante Modena S consumi: combinato 12,8-12,2 l/100 km* // Emissioni CO₂: combinato 288-272 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

Levante Trofeo consumi: combinato 14,6-14,0 l/100 km*// Emissioni CO₂: combinato 330-317g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

Quattroporte Modena Q4 consumi: combinato 11,6-11,2 l/100 km* // Emissioni CO₂: combinato 262-253 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

Quattroporte Trofeo consumi: combinato 12,5-12,2 l/100km* // Emissioni CO₂: combinato 282-276 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

MC20 consumi: combinato 11,5 l/100 km* // Emissioni CO₂: combinato 261 g/km* // Norma Euro 6d-FINAL // Categoria di efficienza energetica: G

* Il CO₂ è il gas a effetto serra principalmente responsabile del riscaldamento terrestre. Valore medio CO₂ di tutti i modelli di vettura offerti in Svizzera è 169 g/km. L’obiettivo di emissioni di CO₂ è 118 g/km (WLTP).

I valori indicati per i consumi e le emissioni sono stati determinati in conformità alle procedure di misurazione WLTP prescritte dalla legge. La procedura di prova armonizzata a livello mondiale per automobili e veicoli commerciali leggeri (Worldwide Harmonised Light Vehicle Test Procedure, WLTP) è un metodo di prova più realistico per la misurazione del consumo di carburante e delle emissioni di CO2. I valori variano in funzione degli equipaggiamenti speciali selezionati. Questi dati possono variare significativamente a secondo dello stile di guida, delle condizioni meteorologiche e del traffico, del carico in vettura, della topografia e anche del periodo dell'anno. I dati dei singoli veicoli possono discostarsi dai dati di riferimento in base all’omologazione svizzera.

Per poter confrontare i consumi energetici delle diverse tipologie di propulsione (benzina, diesel, gas, energia elettrica ecc.), il consumo viene espresso anche nei cosiddetti equivalenti benzina (unità di misura per l’energia).

Sarano possibili delle variazioni tra i modelli e gli equipaggiamenti qui descritti. Ci riserviamo il diritto di apportare modifiche alle grafiche e al offerta dei contenuti, senza preavviso. Consultate il vostro concessionario Maserati per ulteriori informazioni